Riferimenti ad antenati del gioco del calcio in Vaticano sono antichi: il 7 gennaio 1521 si giocò infatti la prima partita di calcio fiorentino in Vaticano, nel Cortile del Belvedere, alla presenza di papa Leone X.[1]
Si sa inoltre che nel XVIII secolo il cortile del Belvedere era casa della squadra omonima, il Belvedere, che, in un gioco simile al calcio odierno, si contendeva il primato cittadino con il Rospigliosi, che giocava invece al Quirinale.[1]
Le prime notizie di in merito ad un incontro di calcio organizzato in Vaticano in epoca recente risalgono al 13 aprile 1946, giorno in cui si disputa il primo incontro di calcio amichevole tra Impiegati Amministrativi e Impiegati Governatorato.
Il primo torneo di calcio moderno si è invece svolto nel 1947: venne organizzato un quadrangolare tra dipendenti vaticani, la cui finale fu tra le squadre di Ville pontificie e Fabbrica di San Pietro. Dopo questo torneo il calcio fu abbandonato per quasi vent’anni.

Il 6 giugno 1966 fu fondata la prima squadra di calcio vaticana, la SS Hermes Musei Vaticani, formata da custodi, restauratori e inservienti dei Musei Vaticani, il cui nome viene dalla copia della statua di Prassitele raffigurante Hermes, posta nel Cortile Ottagono del Museo Pio-Clementino.[1]
Successivamente si formano altre squadre: nel 1968 la squadra della Gendarmeria, nel 1969 le squadre della Fabbrica di San Pietro (i Galletti), l’Ariete A.P.S.A. (Amministrazione Patrimonio Sede Apostolica) e l’Hercules Biblioteca, che si sfidarono nel Torneo Hermes.[2]

dott. Sergio Valci

Nel 1972 il numero delle squadre era aumentato ancora tanto così che il dott. Sergio Valci (sostenuto dal cardinale Sergio Guerri, allora presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano) assume l’organizzazione e la direzione del primo campionato di calcio vaticano con il nome di “Coppa dell’Amicizia” a cui parteciparono sette squadre. La squadra vincitrice fu l’Astor Osservatore Romano. Il dott. Sergio Valci da ex giocatore, con saggezza e metodo guiderà poi per quarant’anni l’Attività Calcistica dei Dipendenti Vaticani.

Da allora il Campionato si svolge annualmente. Dal 1985 si disputa inoltre la Coppa Vaticana, e dal 2007 anche la Supercoppa Vaticana, tra i vincitori di coppa e campionato.

Oggi il campionato vaticano di calcio è un torneo nazionale di calcio tra squadre della Città del Vaticano, sotto l’egida dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Sport in Vaticano (il campionato vaticano non va confuso con la Clericus Cup riservato agli istituti pontifici di Roma e provincia, che si svolge dal 2007).

Le diverse squadre rappresentano i vari dicasteri e uffici dello Stato (per esempio i Musei Vaticani, le Poste Vaticane, i Servizi Tecnici, i Servizi Economici, la Radio Vaticana, il Governatorato, L’Osservatore Romano, la Guardia Svizzera, la Gendarmeria Vaticana, la Biblioteca Apostolica Vaticana).
Il torneo non si svolge in realtà nel piccolo stato del Vaticano, che non ha nessun campo di calcio, ma a Roma: tutte le partite si disputano sul vicino campo “Cardinale F. Spellman” dell’Oratorio di San Pietro.[1]
Dal 2007 la squadra vincitrice del Campionato sfida la vincitrice della Coppa Vaticana, per la conquista della Supercoppa Vaticana.

Tra i giocatori che hanno partecipato al campionato vaticano, si segnala Gabriele Giordano Caccia, Arcivescovo e attuale Nunzio Apostolico in Libano. Tra gli allenatori, invece, si segnalano Dino da Costa, Benedetto De Angelis e Antonio Mattioli.
Attualmente le squadre sono 9: Musei Vaticani, Guardia Svizzera, Gendarmeria, Santos (mista), Fortitudo 2007 (mista), Dir.Tel. Team (Telecomunicazioni Vaticane), Associazione SS. Pietro e Paolo (ex Guardia Palatina), Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” e Circolo di San Pietro.

Successivamente al Campionato si ė aggiunto il torneo della Coppa Vaticana (che oggi si chiama Coppa Sergio Valci) e a conclusione delle stagioni la Supercoppa Vaticana, tra la vincitrice del Campionato e la vincitrice della Coppa Sergio Valci.

L’Attività Calcistica Dipendenti Vaticani ha sempre prediletto il calcio a 11 ma negli anni si è adattata, per mancanza di giocatori a causa dello scarso ricambio generazionale dei dipendenti, a ripiegare anche sul calcio a 5, a 8 e a 9, secondo le esigenze del periodo.
Quando nell’ottobre 2012 il Presidente, il dott. Sergio Valci viene a mancare, l’organizzazione prese il nome di Attività Calcistica Dipendenti Vaticani “Sergio Valci”.

Nel 2015, per permettere l’entrata nell’organizzazione ad altre discipline sportive, l’attività cambia nuovamente nome in “Associazione Sportiva Dilettantistica – Sport in Vaticano” lasciando la denominazione precedente al solo settore calcistico.

Attualmente l’Attività è condotta da un gruppo di 5 persone e un Assistente Ecclesiastico, tutti dipendenti o pensionati vaticani sempre volti a mantenere vivo quello spirito di aggregazione e di amicizia fra tutti coloro che lavorano per la Santa Sede, come era sempre stato l’intento del suo fondatore.

_______________________________________________________________________________________________________________________
1. ^ a b c d e f Giampaolo Mattei, Lo scudetto vaticano? Ai Gendarmi. E per gli Svizzeri “zero tituli”, in L’Osservatore Romano, 23 agosto 2009. URL consultato il 10 maggio 2012.
2. ^ a b Sergio Valci, Il Vaticano… nel pallone! (PDF), in All’ombra del Cupolone, 11 ottobre 2007, p. 8. URL consultato il 10 maggio 2012.
3. ^ (EN) Vatican City – List of Champions, The Rec.Sport.Soccer Statistics Foundation. URL consultato il 10 maggio 2012.